Dalla produzione di massa al valore di mercato – di Beatrice Esposito e Francesca Lupi

 In Uncategorized

Il Marketing ha a che fare con l’Economia. Il Marketing ha a che fare con la Società. Ma è la Politica che ha cambiato il mondo.” Questo l’assunto da cui ha preso le mosse la lezione del Prof. Mattiacci, Professore Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese, PhD Sapienza, Università di Roma.

Sono infatti proprio queste tre forze che spingono alla discontinuità che influenza tutta la storia. La discontinuità è un netto e irreversibile cambiamento di stato, che crea un piano esistenziale differente da tutti quelli precedenti e a nessuno riconducibile.

Basta ripercorrere la storia per rendersene conto: ad esempio eventi come il crollo del muro di Berlino e dell’Unione Sovietica hanno portato alla nascita della classe borghese in Europa e in America. Operazioni economiche come l’adozione americana del modello New Deal attuata da Roosvelt e la realizzazione del Piano Marshall da parte degli americani ed indirizzata ai paesi europei, hanno permesso il raggiungimento di due obiettivi: risollevare economicamente i paesi distrutti dalla guerra ed eliminare lo scontento conferenso alla popolazione una maggiore capacità di acquisto.

Queste manovre hanno consentito a un’ampia fascia della popolazione di poter compiere acquisti non solo legati al sostentamento ma anche al piacere, portando a una situazione diffusa di benessere economico. Questa logica capitalista, opposta a quella diffusa dall’Unione Sovietica, ha fatto sì che la popolazione europea perdesse qualunque interesse verso il comunismo. Dunque una nuova politica ha portato a cambiamenti economici che a loro volta hanno modificato la società.

All’epoca la domanda di prodotti superava l’offerta, complici l’euforia del miglioramento della capacità di acquisto e i prezzi più accessibili dei prodotti. La situazione attuale è diametralmente opposta: oggi offerta di prodotti è vasta e variegata  come mai prima d’ora e le aziende necessitano di emergere rispetto alla concorrenza puntando sul loro valore.

In questo contesto il marketing lavora nel mercato in modo continuo mantenendo costantemente alto il desiderio e le aspettative dei consumatori. Proprio le aspettative di quest’ultimi sono il fattore più importante, poiché spingono il consumatore a relazionarsi con una marca e ad attribuirgli un insieme di valori che la contraddistinguono rispetto ai concorrenti.

A influenzare il processo di acquisto è una combinazione di numerosi fattori (personali, ambientali e decisionali) che condizionano ed evidenziano la dimensione multipla dell’esistenza umana, ovvero la sua essenza, il suo modo di agire e la sua rete di relazioni. Per soddisfare i diversi bisogni, che dettano la fase del consumo, nel mercato sono presenti aziende che si posizionano su diverse fasce di valore.

I Value Market occupano la posizione medio-bassa e bassa del grafico. Questa è la categoria con i volumi di vendita più elevati poiché racchiude tutte le marche i cui prezzi, mediamente bassi, sono accessibili alla gran parte degli acquirenti. Le offerte di valore sono di tipo Good Value for Money, ovvero servizi basici concentrati sul Core Benefit, in grado di fornire le prestazioni di base attese dall’utilizzatore.

Nella posizione medio-alta si trovano i Premium Market. I prezzi dei prodotti che appartengono a questa categoria oscillano da medio medi a elevati. I volumi di venduto della categoria sono ridotti poiché la fascia di popolazione che possiede la disponibilità economica per acquistare prodotti di questo tipo  è inferiore rispetto a quella che si relaziona con i prodotti della fascia Value. Gli acquirenti sono
interessati ad un prodotto con elevate prestazioni esperienziali, sia tecniche che di immagine.

La parte più alta del mercato è occupata dalla fascia Luxury, il territorio del lusso propriamente detto, inaccessibile e sfuggente alle regole di mercato. Il mercato Value risponde principalmente alle esigenze di problem solving, mentre quello premium all’edonismo e al piacere.

Bisogna tenere presente che il prodotto in sé vale meno se non è valorizzato da un brand che condivide con i consumatori principi morali e valoriali. E’ proprio per restare fedele a teli valori, infatti, che il consumatore è spinto a sostenere un sacrificio economico più importante.

About Author: Francesca Lupi

Nata nel 1994, da bambina sono sempre stata affascinata dagli spot televisivi e dai cartelloni pubblicitari, così ho deciso di studiare comunicazione, laureandomi alla triennale in Comunicazione, Tecnologie e Culture Digitali alla Sapienza Università di Roma. Alla triennale ho compreso l'evoluzione del mondo della comunicazione, e mi sono appassionata alle opportunità comunicative offerte dai nuovi media in ambito aziendale, dedicando la mia tesi di laurea allo studio dell'utilizzo dello storytelling nella comunicazione d'impresa. Ho proseguito gli studi laureandomi con 110 e lode alla magistrale in Organizzazione e Marketing per la Comunicazione d'Impresa alla Sapienza Università di Roma, dove mi sono appassionata alle nuove tecnologie e alle loro possibili applicazioni nell'ambito del marketing. Per questo motivo ho dedicato la mia tesi di laurea allo studio dei chatbot applicati all’ assistenza al cliente. Ho anche svolto un tirocinio presso la starup Biotiful, gestendo principalmente i social media dell'azienda. View all posts by and

About Author: Beatrice Esposito

Mi chiamo Beatrice, sono una donna curiosa ed intraprendente. Dopo aver conseguito la maturità scientifica, ho continuato i miei studi laureandomi in "Scienze della comunicazione, tecnologie e culture digitali" scrivendo una tesi sulle strategie di social media marketing, approfondendo l'uso della piattaforma Instagram e del visual storytelling. Ho poi intrapreso un percorso di specializzazione sull'organizzazione ed il marketing della comunicazione d'impresa presso l'Università La Sapienza di Roma. Cerco spesso di ritagliarmi del tempo per approfondire la conoscenza della mia città, Roma, e per viaggiare. Vado spesso alla scoperta di nuove mete, culture, cercando di immergermi nei luoghi che visito e di fare nuove esperienze. Sin da piccola ho nutrito il mio lato artistico attraverso la danza e il teatro. Nel complesso sono una persona che cerca di trovare sempre il lato positivo di ogni evento, sono molto determinata e mi impegno in ogni cosa che faccio, con passione e dedizione. View all posts by and

Recent Posts

Leave a Comment

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.