Il paradigma della molteplicità

 In Uncategorized

Comunicare significa in primis scegliere un destinatario – o meglio, un interlocutore. Per sceglierlo, le metodologie di ricerca si sono evolute dalla segmentazione dei consumatori (P. Kotler, 1967 e M. Porter, 1979) allo studio dei loro stili di vita (A. de Vulpian, 1972 e G. Fabris, 1995), per poi giungere alla scoperta dell’unicità di ogni individuo.

In questa fase di disorientamento tra le tecniche classiche di ricerca sociale e di sovraccarico di metriche digitali, Future Concept Lab propone un nuovo modello di pensiero. Il presupposto è che gli esseri umani non siano facilmente descrivibili tramite variabili socio-demografiche; nessun uomo è un idealtipo. L’unicità di ognuno, tuttavia, è riconducibile a uno dei quattro paradigmi dell’età postmoderna: Unique & Universal, Quick & Deep, Crucial & Sustainable, Trust & Sharingi.

Il primo sembra un ossimoro, ma rappresenta semplicemente il tendere all’infinito di qualsiasi essere umano che non si riconosca nella visione “standard”. Lo facevano i poeti romantici alla fine del XVIII secolo, lo fanno oggi i CreAtives, o la Generazione Erasmus, tra le iniziative di sharing economy e una vita multitasking.

Il secondo è l’espressione di un hic et nunc che ha bisogno di concretezza. È il paradigma della società in cui coesistono le fake news e il debunking, in cui si alterna la lentezza alla velocità, la ricerca del benessere al pragmatismo della vita professionale.

Il terzo è il paradigma del valore aggiunto, dell’impatto sociale, della trasparenza, e di un rinnovato sistema economico che non può più nascondersi dietro ad attività di greenwashing.

L’ultimo spiega l’approdo nell’era della credibilità – che dovrebbe sostituire la visibilità agognata da brand e personaggi pubblici – nonché della fiducia e della condivisione.

Partendo da questi nuovi archetipi, Future Concept Lab ha descritto alcune macro tendenze culturali. SocioLogical Curiosity, ovvero l’anticonformismo creativo, Trust Chains, in sintesi l’onestà relazionale, e Mood Jump, che rappresenta la dimensione collettiva, e passionale, dell’emotività.

In questo scenario complesso e stratificato, non c’è più spazio per la comunicazione di massa: oggi si interloquisce con una molteplicità di persone. Cittadini, studenti, dipendenti, volontari, amici, amanti, imprenditori e sognatori… Il punto di partenza? Non chiamateli “target”.

About Author: Piera Cattaneo

Born analogue, grown digital. Design-oriented and data-driven marketer, proud Humanities major. As a working student and active citizen, I gained various experiences abroad. Currently leading MarComm initiatives for Nielsen Italy. View all posts by

Recent Posts

Leave a Comment

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.